Throwback Thursday: Un vulcano spiana la strada al triplete interista

United_Kingdom Click here to read the English version of this article

L’ultimo precedente tra Inter e Barcellona a San Siro prima di domani risale al 20 aprile del 2010, semifinale di andata in Champions League. Con l’Europa attraversata da una nube di cenere prodotta dall’intensa attività del vulcano islandese Eyjafjallajokull, il Barcellona è impossibilitato a volare su Milano: gli aeroporti del Nord Italia sono chiusi, così come quelli di tutta l’Europa centrale. I blaugrana pensano allora di volare su Pisa e risalire in pullman alla volta di Milano, ma la situazione peggiora ulteriormente e devono chiudere anche gli aeroporti spagnoli.

Il Barça chiede addirittura di rinviare la partita, ma la UEFA risponde che non ci sono date disponibili: si deve giocare per forza. A quel punto l’unica possibilità è raggiungere il capoluogo lombardo direttamente in pullman da Barcellona, con una tappa intermedia a Cannes. Nonostante l’insolito fuori programma, Guardiola è categorico: «non deve essere una scusa».

https://i1.wp.com/pbs.twimg.com/media/Cgfd29_W4AEqxPb.jpg?resize=840%2C553&ssl=1
Maicon festeggia con Goran Pandev dopo aver segnato il secondo gol per l’Inter, avvicinando i nerazzurri di José Mourinho allo storico “triplete”

L’Inter parte meglio, ma proprio mentre sembra nell’aria il gol nerazzurro arriva invece il vantaggio dei catalani, scesi in campo con un discutibile completo rosa shocking: l’ex Maxwell semina il panico in percussione sulla sinistra e arrivato sul fondo mette una palla intelligente a rimorchio su cui arriva Pedro, che insacca di prima intenzione con un rasoterra di sinistro. L’Inter tuttavia non si scompone e dopo poco più di dieci minuti trova il gol del pareggio: su un traversone rasoterra di Eto’o Milito lavora alla grande il pallone spalle alla porta e trova un liberissimo Sneijder che fulmina Valdez di destro.

Si va a riposo sul punteggio di 1-1 ma appena inizia la ripresa l’Inter colpisce di nuovo: palla in verticale di Pandev per Milito che serve un altro assist all’irrompente Maicon, bravissimo a controllare e a battere Valdez in corsa. Il Barcellona ha una reazione rabbiosa che si infrange sui guanti di Julio Cesar e a mezz’ora dalla fine arriva addirittura il 3-1: stavolta è Milito a finalizzare, deviando sotto misura di testa un pallone schiacciato goffamente da Sneijder su cross di Eto’o.

https://i0.wp.com/pbs.twimg.com/media/Cgfd3EEWsAEUF0V.jpg?resize=840%2C536&ssl=1
Diego Milito fu un autentico incubo per il Barcellona quella notte. Il Principe segnò un gol e servì 2 assist, contribuendo in maniera decisiva alla vittoria per 3-1 dell’Inter

Il Barça cerca con insistenza il gol che potrebbe limitare i danni in vista della gara di ritorno, ma i tentativi confusionari dei catalani si infrangono sulla difesa interista. Nel finale un maldestro intervento da dietro di Sneijder rischia di rovinare il capolavoro nerazzurro, ma l’arbitro portoghese Benquerença ammonisce Dani Alves per simulazione anziché concedere il tiro dal dischetto, e San Siro può fare festa.

Al ritorno il fortino nerazzurro riuscirà a resistere alla pressione dei blaugrana: l’1-0 finale del Camp Nou (firmato Pique) non basterà per completare la rimonta, consentendo all’Inter di tornare in finale di Champions League 38 anni dopo.


TABELLINO

20 aprile 2010 – Champions League 2009-2010 Semifinale
INTER-BARCELLONA 3-1

MARCATORI: 19’ Pedro (B), 30’ Sneijder (I), 48’ Maicon (I), 61’ D. Milito (I)

inter-mailand-logo-700x490 INTER (4-2-3-1): Julio Cesar, Maicon (73’ Chivu), Lucio, Samuel, J. Zanetti, Cambiasso, Motta, Eto’o, Sneijder, Pandev (56’ Stankovic), D. Milito (75’ Balotelli) (Orlandoni, Cordoba, Materazzi, Muntari) All: Mourinho
https://i0.wp.com/upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/4/47/FC_Barcelona_%28crest%29.svg/1200px-FC_Barcelona_%28crest%29.svg.png?resize=60%2C61&ssl=1 BARCELLONA (4-3-3): Valdes, Dani Alves, Pique, Puyol, Maxwell, Xavi, Busquets, Keita, Pedro, Ibrahimovic (62’ Abidal), Messi (Pinto, G. Milito, Jeffren, Y. Touré, Bojan, Henry) All.: Guardiola

ARBITRO: Benquerença (Portugal)
NOTE: Ammoniti: Eto’o, Stankovic (I), Busquets, Puyol, Pique, Keita, Dani Alves (B)

 

 

 

Leave a Reply